Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta poesia edita

"Fresco di stampa": Alfredo Rienzi, "Custodi ed invasori", Arcipelago itaca Edizioni, 2024

Immagine
Questo è il campo dei suoni senza luce dove le foglie secche sul sentiero, indurite dall’agonia e dal vento, sono alle spalle unghie e fiati di cani d’ombra, incorporali, che inseguono il sussulto delle arterie fiutando nella nebbia la paura. È il luogo delle luci senza suono: io non posso invocarti in questa notte muta che non reca perdono né promesse, non ti desidero stella d’albedine che con raggio azzurrino ridai moto alle sfere: non in questo gorgo, in questa guerra nera, dove nel vento intollerante sfuma anche il mite profumo del sambuco. * Il ramo sminuzzato ha assunto forma d’osso l’osso ha venduto l’anima alla pietra mi chiedi di spiegarti il nome delle cose il caso o la ragione dei colori, gli spigoli la scabra superficie e come la pietra si disgrega in sabbia, la polvere, il groviglio delle radici e il frutto se l’eco rimanda sempre il nome detto o qualche volta azzardi a proseguire il verso. * Qui nessuno conosce il proprio nome nessuno ne ha memoria e l’austro nella notte,

Michele Trizio, "Cenere del risveglio", Marco Saya Edizioni, 2024

Immagine
Cammino direzione piega. Essere la mano che chiede un nome tra verdi persiane. Forse questa casa sarà illusoria ma resta come un alone cuneiforme sulle mura, luogo di contese nello sciame di voci, materno e mattinale. La stagione si trasmuta in evento che ci salva e ci allontana. Talvolta, nell’eclissi, cerchiamo l’ebbrezza di un saluto. * Dici che ciò che ci resta alla fine sono solo gli odori, e forse poco altro, gli altri colori sulle superfici vive mentre noi ci spegniamo piano piano. E invece infinite volte un profumo richiama la memoria al suo compito: preservare le crepe, quelle amate, che fanno tormento del ricordo. Manchi, e per questo sei ovunque, nella materia primordiale imprimi le forme plastiche del congedo. Posso solo vivere accanto alla trama dei vetri, tagliarmi con il sorriso tuo, impercettibile, staccarmi dal corpo nella scena del giorno e amare questo esistere in cui né si va né si rimane. * Qui da noi gli anni sfilano via, il fondo non appare mai agli occhi e impil

"Fresco di stampa": Augusto Pivanti, "Confluenze, poesie scelte 2004 - 2023", collana Lietocolle, Ronzani Editore, 2024

Immagine
L'eco dei miei passi Costruisco il giorno sull’eco dei miei passi e, sordo il tacco della nostalgia incide il selciato del tempo. * Liturgia del silenzio Cantiamo il gesto d’urlare il poco da dire, da fare per il molto che rimane, l’apparente utilità del nostro vivere. Lieve rimane il modo di tacere il giorno immergendosi nell’acqua d’un Giordano altro, liturgia del silenzio che s’affaccia sull’inizio delle stelle senza più parole. * Tempo d'improvvisi addii Ti travaso per osmosi nell’acquasantiera che non sono e ti invoco – anima – sopra i cortili dell’infanzia a sorreggermi – per il troppo coniugare all’imperfetto – in questo tempo d’improvvisi addii. * Il nostro dire È terra masticata di risulta, il lato frequentato dal periodico insediarsi nelle notti – un buio ecoico, le falene disimpegnate dal riflettere – l’estate a promettere un caldo sudaticcio. Dimentichiamo in fretta i viali dell’infanzia, quando ci coglievano luci in solo sogno, quando anche un minimo bagliore di ci

"Anteprima Portosepolto": Carlo Giacobbi, "Erbe d’esilio", peQuod, 2024

Immagine
Ruderi di cielo ama l’addio della foglia ogni quieta dolcezza dello sfiorire sono silenzi d’occhi nella luce svilita riconoscere nella prova occasione le trame nere e nude, loro pasqua in fioritura * Quando ci accorgemmo che su ogni fiato in ascesa andavano crollando ruderi di cielo, non fu difficile farsi persuasi dovessimo credere meraviglia lo sfiorire delle rose. Non avremmo mai creduto saremmo riusciti a fare Dio senza esserlo, a cavare un che di luce dal suo contrario, che si potesse scorgere incanto nel giallore di foglie calate sul grigio dell’aria. Di quanto appare, tutto è né questo né quello, né quanto si veda ma più ciò a ciascuno convenga. Così, anche la putredine dei frutti caduti a nessuno le pareti mute alla tua insonnia l’ostinata indifferenza del loro bianco la crudeltà del silenzio, il suo ghigno venuto a soffiarti «no, non è un incubo» , furono temi da dipanare sulla pagina intestata «cosa c’è di buono in questo» o in quella «cosa vuoi dirmi, inferno» . Ci abitarono

Michele Lacava, tre poesie inedite

Immagine
Succede al fiume che si secca farsi letto per le carcasse mentre intorno l’erba cresce e noi seduti a domandarci perché qui non piove. L’acqua, un tempo, scorreva senza scomodarci cercavamo i ciottoli per valutare quali incidere. Li provavamo tutti: quelli lisci, quelli aguzzi, quelli scabri e frastagliati li toccavamo cauti per evitare di ferirci e lasciare il nostro sangue appiccicato come le promesse al tempo. La pioggia ancora non si vede. Ed è come se la lingua non avesse più saliva e le parole giunte alla salita non potessero più uscire. Rimarrebbero sospese, avvolte entro un nodo in gola stretto più dei denti quando vuoi urlare ma hai paura di svegliare ciò che non ti fa dormire. * Eravamo nel torto eppure chiedevamo l’amore. Nessuna voglia di corrergli incontro eravamo fiammiferi, qualcuno più brusco si accese. Tutto bruciò, consumandosi in fretta. Poi, il fuoco si spense la cenere fece il suo corso. Morimmo anche noi lasciando una luce negli occhi a chi stanco si arrese. Muore

Mattia Cattaneo, “La neve impressa”, Architetti delle Parole, 2024

Immagine
Entrare in un nodo sviluppare il suo nastro e ritrovare la ruggine sotto i crocevia dove l'odore della realtà si compie in parte in questo continuo scambio di cose improvvise affrontando i morsi l'insurrezione del fuoco le ferite d'innesto trappole di lutti lunghi s'impenna alla radice l'anamnesi di questo silenzio. * D'inverno l'alba disegna il colore del metallo, gli alberi, nervi rigidi, segnano il profilo della luna china. Frutti amari in questo tempo di mandorleti sottili, il tuo bianco ventre matura latte - ne sento ancora il sapore - ma sazia il luccichio del grano: ciò che accade, non svanisce mai nel buio. * Il plaid con gli orsi polari accarezza il tuo pigiama a rose fiorite o appassite dentro un letto antidecubito dove dormi sopra barche mistiche piene di parole nude diluviate che scendono fin dove non c’è risalita. * Ci rivedremo una volta al giorno sotto l’ombra del platano o nella corsia dell’ospedale quando la neve impressa nei pertugi dei ram

"Anteprima Portosepolto": Antonio Fiori, "La stessa persona", peQuod, 2024

Immagine
Venire e svenire , orgasmo e mancamento – le due piccole mancate morti che ogni volta c’illudono di ritornare a vivere. Alla fine del brevissimo sogno solo liberi, invece, di morire di nuovo. * Cancellare dalla rubrica chi ci ha lasciato costa molta fatica, sembra d’infliggere la morte un’altra volta. Io, per esempio, non l’ho mai fatto – conservo tutti i numeri coi nomi e li travaso quando cambio telefono. Mi dico sempre che troverò il momento di ricordarli tutti nei miei versi. Anzi, inizio adesso, ricordando Sergio. * Ci incontreremo ancora ma non nel futuro – saremo di nuovo insieme nel nostro passato. Un giorno, chissà, ci vedranno dal telescopio puntato su questo pianeta – con un solo sguardo violando il tempo e lo spazio. * Si ritornasse a discutere degli angeli agli amanuensi che copiano instancabili alle giaculatorie senza vanti alla vera attesa della fine, si ritornasse ai lunghi viaggi in carovana ai voti per salvare i moribondi alle povere vite di trent’anni... forse saremm

Luigi Finucci, "La prima notte al mondo", Seri Editore, 2024

Immagine
I vulcani si acquietano, perdono la loro efficacia distruttiva. Le acque chinano il capo. Nel luogo più oscuro, le possibilità di vita hanno le sembianze di una cellula. Le origini hanno parvenze insolite, non hanno linguaggio. Solo il terrore di essere scoperte. * E se un giorno, trovassimo un pianeta abitabile la gentilezza sarebbe l’unica cosa per dismettere la solitudine. Applicare una carezza alle forme di rinascita sconosciute. * In questo luogo c’è stata la diserzione delle bandiere. Non c’è una storia. Qui, il nemico è invisibile le iene troppo buone con i cadaveri: usate per ripulire da segreti indicibili. Le chiese e gli ospedali sono stati pensati per coprire le ossa, troppo vistose alla luce del sole. * Il vento della savana punisce i capelli, il sole attecchisce una strada gli occhi piangono polvere. Degli animali selvatici decretano prima del gesto ogni atto, ogni verità. Muoiono sotto il cielo senza giudizi. Come acqua e terra combaciano nei punti circoscritti da Dio. *

Alessandro Assiri, “Abitarmi stanca”, puntoacapo Editrice, 2023. Segnalazione di Fabrizio Bregoli

Immagine
Una volta mi bastava poco, spostavo quattro mobili e credevo di aver compiuto una rivoluzione Adesso che sono così esausto da spostare con fatica anche una sola poltrona, lascio depositare la polvere chiamo qualche granello per nome, appoggio i piedi sull’unica valigia, immagino miracoli perfetti * Il mio azzurro ha una voce cruda non ha onde, è un reticolato un suono senza pace È l’azzardo di uno scarto la terapia a scalare da un mezzo a un quarto Avevi l’oro nelle mani e la danza sulla pelle passava il tempo e ti cambiavi il nome poi rotolavi in frantumi ai piedi del letto generazione di baci e di stracci la finta calma appesa al dubbio la puntina che gratta Ambiento le idee nel giardino di ogni nuova casa taglio l’erba troppa corta, poto la siepe malamente il rigoglìo mi angoscia Attendo lo sfratto che profani il luogo del mio male * Sto qua con l’odio che mi manca con le dita tolgo polvere alla foto soffio la paura che non so Difendo la rabbia come un posto di lavoro in questi gior