Post

Visualizzazione dei post da Dicembre, 2021

"Fresco di stampa": Giuseppe Semeraro, "Da qui a una stella", AnimaMundi, 2021. Segnalazione di Claudia Di Palma

Immagine
Tendiamo braccia verso un altro corpo abbiamo un’artiglieria nel petto avanzano tremando le mani cercando nel viso dell’altro uno spigolo dove germogliare l’orlo di una bocca dove arrampicarci dove osare un fiore. * Vorrei seguire una fila di formiche e scivolare in un abisso minuscolo chiudermi nel bozzolo della terra e gocciolare giù in qualche crepa affondare l’unghia in ere sepolte nascondermi in qualche tesoro sigillare il mio respiro nella pietra fossilizzare l’anima in una spirale ringraziare tutta la materia madre. * La vera Babele è questo corpo, lingue che ancora consumano la matrice di ogni parola, suoni che per secoli abbiamo masticato e sputato si aggrappano ancora allo stesso senso, pesi di voci che dalla notte dei tempi ci portiamo nella bocca, nutrimento segreto di ogni nostro verbo, custodiamo ancora il vecchio ceppo il sacro suono di ogni cosa nominata, ancora come la prima volta quando abbiamo detto: madre, padre, albero, sole, fame e poi guerra, amore, fratello, lo

Mauro Macario, "L'opera nuda", puntoacapo Editrice, 2021. Segnalazione di Fabrizio Bregoli

Immagine
C’è qualcuno là fuori? Vorrei cadere dall’alto di un verso maestoso e farmi male davanti a tutti con la testa spaccata e le vertebre incrinate il sangue che fluisce la paura di morire e gli eroismi in poesia che non servono più a niente affinché i poeti sappiano che siamo di carne e ossa che abbiamo mal di pancia e cataratte orecchie da siringare e culi brucianti l’essere sublime in odore di santità è un poveretto che reclama un cielo abitato un oceano capovolto senza pani né pesci l’essere sublime non confessa le sue miserie al calar della notte stura le sue abiezioni poi scrive con gli occhi rivolti alla trascendenza giurando fedeltà alla santa croce di un prelato i poeti non leggono i libri dei poeti sbuffano ridacchiano li buttano o li seppelliscono vivi nella loro sindone di cellophane ligi alla cerimonia funebre del silenzio pop star in un’arena solitaria si guardano l’ombelico perché alla poesia basta un lettore in tutto il mondo dicono eppure li sognano ad occhi aper

Lorenzo Mele, "Settembre è una preghiera", autoprodotto, 2021

Immagine
                                                                                                                  A Gabriele Galloni Settembre è una preghiera, e io ti penso ancora in piedi a volere tutta l’aria in un attimo solo; un colpo di respiro a permetterti la grazia, la stessa grazia sdolcinata che indossano i morti. * Questa notte mi preparo un thè, due o tre gocce di passiflora nel dubbio a decantare nell’infuso. Le ansie le lascio sui balconi, ma loro subito a scodinzolare, a graffiare dietro la porta. Accendermi una sigaretta è un segno di resa, un gesto di grazia in onore dei morti. * Settembre esausto che piangi, non mi dici come stanno le cose, preghiera semisommersa, ultimo bacio estivo. Il tuo lontano sole, sai, mi commuove ancora. Settembre buono che torni, è tuo tutto il buono che resta. * Lorenzo Mele  (1997, Burgwedel) cresce a Lecce. È direttore e fondatore della rivista di poesia “Il visionario”. Ha pubblicato  Tu mi abbandoni  (La gru 2018),  Dove non splendi 

Claudia Di Palma, tre poesie inedite

Immagine
scrivere: sporgersi dalle labbra e poi tornare nell’ombra, nel punto preciso in cui la luce si rompe alla fine della frase togliere la coperta del nome e lasciare la cosa la rosa tentare una nudità impossibile * Sarebbe stato meglio non imparare questa splendida architettura di significati, questa trappola per i topi. Ma ormai è tardi e sono imbrigliata nel paradosso della parola. Resto nella prossimità invalicabile del sangue. * Scrivere è un verbo strappato al deserto. Non disseta, non sazia. Assomiglia a un altro verbo: sparire nella sabbia dorata di una promessa. “ Avrai fame e sete e ti darò acqua e sostanza ma quando avrai mangiato e bevuto svuoterò le tue viscere perché voglio parlare con te. Il mio alfabeto è una domanda.” * Claudia Di Palma , nata a Maglie nel 1985, vive e lavora a Lecce. Tra le sue esperienze più importanti si annovera la passione per il teatro. Ha collaborato con "Astragali Teatro" (2005) e "Asfalto Teatro" (2006/2012) e attualm

Bando Premio Poeti Oggi 2022

Immagine
Regolamento Il concorso è rivolto a tutti i poeti italiani e stranieri e si articola in un’unica sezione: Poesia inedita in lingua italiana senza limiti di lunghezza, tema o metrica. Sono inedite le poesie apparse su blog, siti e social media. Si partecipa con un singolo testo da inviare all’indirizzo: poetioggi@gmail.com specificando come oggetto “Premio Poeti Oggi”. SCADENZA BANDO 20 GENNAIO 2022 . Dovranno essere presentati due allegati: Allegato 1 - documento .docx (Word) contenente titolo (eventuale), testo della poesia, nome e cognome dell’autore, indirizzo mail e numero di telefono. Allegato 2 - documento (anche foto o scansione) che attesti il pagamento della quota di partecipazione. Tutti i partecipanti regolarmente iscritti riceveranno una mail di conferma. La segreteria provvederà a inviare ai giudici i testi in forma anonima, identificati solo da un numero progressivo in base alla cronologia di iscrizione. La quota di partecipazione è di 5 euro a sostegno delle attività di

Giuseppe Carlo Airaghi, "La somma imperfetta delle parti", Ladolfi Editore, 2021

Immagine
Come fili d'erba Come fili d’erba nel prato ondeggiamo assecondando la noncuranza del vento, chiniamo il capo al dettato della pioggia, ci facciamo fieno per le future stagioni sotto il palmo di un sole che non concede carezze. Come fili d’erba nel prato ci facciamo sentiero per i passi di chi si avventura oltre la vista delle colline, abbracciamo la terra facendoci terra, osserviamo le nuvole in cielo disfarsi oltre il profilo delle nostre preghiere. * La finestra Dalla parte in silenzio della strada osservo la casa (qualcuno direbbe la spio), la finestra ancora illuminata, il pudore tenue di una tenda bianca. Dietro il vetro ci sono io, una mano a scostare la tenda. Guardo fuori l’uomo che dalla strada mi osserva (qualcuno direbbe mi spia) e forse mi somiglia. Trattengo a stento un cenno di saluto per timore di essere frainteso. * Giuseppe Carlo Airaghi è nato e vive in provincia di Milano. Ha pubblicato le raccolte di poesia: I quaderni dell'aspettativa (Italicpequod), Que

Nicoletta Bidoia, "Scena muta", Ronzani Editore, 2020

Immagine
Si è portati a pensare a una colpa quando si vedono congelare i passeri in volo e poi cadere. Sta succedendo qualcosa, ci siamo detti, tra la terra che ci addenta in banchisa e il cielo che si addensa e impallidisce ogni precetto. Nella distesa vasta di scongiuri il grido di chi prima taceva si propaga rapido fino in Boemia. * Per essermi fedele devo tradire l'aria di prima, il mio mulinare nel vento, devo interrare l'astro e l'arcata perché è venuto un tempo di pietra inatteso, c'è un'altra vertigine. Mai si è visto così tremendo il battito di ciglia dell'immobile. * Nicoletta Bidoia  (Treviso, 1968) ha pubblicato i libri di poesia  Alla fontana che dà albe  (2002),  Verso il tuo nome  (2005, con prefazione di Alda Merini),  L’obbedienza  (2008, con prefazione di Isabella Panfido) editi da Lietocolle e  Come i coralli  (2014) con La Vita Felice. Nel 2013 è uscito il libro di narrativa  Vivi. Ultime notizie di Luciano D.  per le edizioni La Gru. Ha ideato e real

Valentina Colonna, "Stanze di città e altri viaggi", Nino Aragno Editore, 2019. Segnalazione di Claudia Di Palma

Immagine
Quando per sbaglio mi chiedono cosa sia questo indicibile fare, per un momento penso a una contemplazione insistente delle ore come un rito. Riempire di cucchiai la caffettiera e avvitare le forme. Aspettare che la fiamma scaldi e guardare alla finestra la luce ferma che cambia gli sguardi degli oggetti e dei viventi. * Vedi, le campagne qua a sud si stendono in pianura, nel miracolo di secoli, ulivi a tronchi grossi, sinuosi di fianchi e chiome bruciate, da curare di un amore vasto sino al centro vivo di ogni ramo. Le campagne di ragni nascosti in terre incenerite. Tra i muri a secco arrossare i pomodori e i fichi gonfiare in un odore di latte che appiccica alle dita tra le more, a onorare la processione degli amanti in mezzo ai campi di silenzio. Impero di crisalidi, involucri ninfali sui tronchi innamorati del nostro cammino di stagioni. * Valentina Colonna  nasce a Torino nel 1990. Ha pubblicato nel 2010 la sua prima raccolta di poesie  Dimenticato suono  e suoi testi sono apparsi

Nadia Agustoni, "[la casa è nera]", Vydia editore, 2021

Immagine
nella terra non arata l'asse di legno a chiudere la casa ricorda il mancare dei vivi i lavandini bianchi – la luce di questi giorni per conoscere le ossa scava dove la talpa è il suo ricordo e un tempo di polvere va nel cielo, perché parli qualunque voce qualunque io. * vegli sul latte sul volto che non cade là nel sonno arrivano volpi chiedono lune ma la morte ricomincia e indifeso il vero scrive i suoi fiori * Nadia Agustoni  (1964) scrive poesie e saggi. Suoi testi sono apparsi su riviste, antologie, lit-blog. Del 2021 è [la casa è nera]   , Vydia editore, del 2020 è  Gli alberi bianchi  Gialla Oro Pordenonelegge-Lietocolle, del 2017 è  I Necrologi  La Camera Verde, del 2016 è  Racconto  Aragno, del 2015 Lettere della fine   Vydia editore – premio ex equo Bologna in Lettere Interferenze 2017, e la silloge [ Mittente sconosciuto ] Isola Edizioni ;  del 2013 è il libro-poemetto  Il mondo nelle cose  (LietoColle). Una silloge di testi poetici è presente nell’almanacco di poesia  Qu

Poeti Oggi, chi siamo

Immagine
La redazione di Poeti Oggi Poeti Oggi  nasce il 28 gennaio 2020 da un'intuizione del poeta Luca Bresciani con lo scopo di diffondere la poesia contemporanea in lingua italiana tramite i social network Facebook e Instagram, dove vengono pubblicati i testi editi e inediti di poeti affermati e di poeti esordienti. Ogni pubblicazione è corredata della “grafica gialla” che è diventata la componente distintiva di Poeti Oggi.  L'incontro agevole ed elegante con il testo poetico proposto, ha da subito garantito a Poeti Oggi un numero importante di lettori e sono moltissime le candidature alla pubblicazione che giungono in redazione da autori e case editrici. Oltre alla programmazione ordinaria negli spazi di Poeti Oggi si sviluppano anche cinque rubriche: “Fresco di stampa” dedicata ai nuovi libri di poesia; “Blocchi di partenza” curata dal poeta Fabrizio Bregoli che presenta l’opera di un poeta esordiente; “Pietra angolare” gestita dal poeta Gabriele Borgna che suggerisce un libro di

Informativa Privacy Policy

Immagine
PRIVACY POLICY Il blog Poeti Ogg i non è una testata giornalistica  e non si può quindi considerare un prodotto editoriale ai sensi della legge 62 del 7-03-2001.  Si precisa inoltre a tutti gli effetti di legge che esso ha natura amatoriale e non produce alcun ricavo commerciale o utilità economica. Il logo di Poeti Oggi è stato realizzato da Luca Bresciani che è anche il realizzatore di tutte le grafiche che accompagnano i testi dei poeti pubblicati. Testi, foto, immagini e ogni altro materiale pubblicato sono utilizzati a scopo esclusivamente didattico e senza nessun fine di lucro. Essi restano di proprietà dei rispettivi Autori/titolari, normalmente indicati in didascalia o all’interno della pagina, alle condizioni di utilizzo eventualmente indicate caso per caso. In caso di utilizzo non conforme,  restiamo a disposizione  dei titolari dei diritti e delle licenze per la rimozione immediata. Testi immagini e altro materiale multimediale contenuti nei post restano di proprietà dei ris

Poeti Oggi, contatti

Immagine
INVIO TESTI IN PROPOSTA Invitiamo gli autori e le case editrici a seguire queste semplici indicazioni. Le proposte che non rispetteranno le caratteristiche indicate verranno cestinate. Libro edito di poesia : inviare il pdf dell'opera a:  poetioggi@gmail.com , specificando per oggetto "Proposta libro edito". Il pdf del libro resterà nell'archivo della redazione e non sarà divulgato a terzi. Includere foto autore e notizia biobibliografica. Poesie inedite :  inviare una selezione di massimo sei testi  (estensione .doc, .docx)  a:  poetioggi@gmail.com , specificando per oggetto "Proposta poesie inedite". Includere foto autore e notizia biobibliografica. Rubrica "Blocchi di partenza" a cura di Fabrizio Bregoli:  inviare una selezione di massimo tre testi  (estensione .doc, .docx)  a:  poetioggi@gmail.com , dichiarando di non avere alle spalle nessuna pubblicazione con un editore. Indicare per oggetto dell'invio "Proposta blocchi di partenza&q