Post

Visualizzazione dei post con l'etichetta Anna Salvini

Anna Salvini, quattro poesie inedite

Immagine
La voce strappata In certi giorni grigi basterebbe un cenno, amputare con la pietà dei miti quando il corpo trema nelle tagliole, sacrificare una gamba o un braccio, separarsi, strisciare con le nocche, un ginocchio il gomito puntato come una stampella tirarsi fuori dai denti acuminati, la voce strappata a piccoli morsi e ti chiedi come funzionerà il nuovo passo la schiena nel movimento che bilancia milligrammi, come sarà riprendersi la vita, ad ogni costo, perché si è troppo stanchi di morire. Basterà un profilo, una nuova altezza da cui osservare il mondo, commuoversi dentro le cose che ti vengono incontro. * Calma apparente Una calma d’altri tempi ci sorprende come l’odore acre sui campi o il cicalare nascosto adagiato tra i rami qualche gregge nel mezzogiorno deserto è l’unica deviazione al rollare incandescente del vento: non un affanno lungo i margini o al centro delle distese ma una lieve preghiera per le doglie delle grotte, l’arrancare dei mandorli tra le rovine. Accolta ogni